Salta al contenuto principale

Risultati primo semestre 2016

Il fatturato del Gruppo per il primo semestre del 2016 è stato di 8.295 milioni di euro, inclusi 511 milioni di euro delle vendite di Airgas consolidate a partire dal 23 maggio 2016 (data di chiusura dell'acquisizione). Il fatturato del primo semestre è aumentato +2,2% sulla base dei dati pubblicati e +8.0%, escluso l'impatto dei tassi di cambio e dell'energia, rispetto al primo semestre del 2015. Esclusa Airgas, la crescita comparabile1 è di +1.7%.
Le vendite di Gas & Servizi, a 7.618 milioni di euro incluse quelle di Airgas dal 23 maggio 2016, sono cresciute del +4.3% sulla base dei dati riportati e del +10,6%, escluso l'impatto dei tassi di cambio e dell'energia, rispetto al primo semestre del 2015. Escluso Airgas, la crescita comparabile è di +3.6%. Nel primo semestre, l'impatto dei tassi di cambio (-2.6%) e quello dell'energia (-3.7%) sono entrambi sfavorevoli.
Le economie emergenti hanno continuato a registrare una forte crescita, con le vendite di Gas & Servizi in aumento di +11,4% su base comparabile.
In generale, su base comparabile, nel primo semestre sono cresciute tutte le attività di Gas & Servizi, ad eccezione di Industrial Merchant, che rimane contrastata:

  •  Il fatturato di Large Industries, aumentato significativamente del +6,2%, vede una crescita in tutte le aree geografiche. Ha beneficiato della messa a regime delle nostre unità produttive, in particolare in Germania, nell'Est Europa, nel Nord e nel Sud America e in Cina. Il contributo delle due unità produttive di idrogeno presso il sito di Yanbu, avviate nel 2° trimestre 2015, rimane significativo in questo primo semestre, in particolar modo nel 1° trimestre. Negli USA, la crescita ha avuto un'accelerazione nel 2° trimestre grazie all'avvio di una nuova unità di separazione, mentre in Cina i volumi sono rimasti elevati in tutta la prima metà del 2016.
  • Industrial Merchant, in diminuzione di -1,6%, rimane contrastata. Si nota, tuttavia, un leggero miglioramento nel 2° trimestre. Le vendite in Europa, positive in questo primo semestre, sono salite al +2,7% nel secondo trimestre, in particolare grazie a maggiori volumi bulk. In Nord America, i segmenti di mercato relativi all’energia e alla produzione di metallo risentono ancora di una debole domanda di servizi per l'industria petrolifera e le industrie connesse, mentre stanno crescendo i mercati dell'industria agroalimentare, farmaceutica e della ricerca. La stessa dinamica di mercato vale per Airgas, le cui vendite di gas sono aumentate leggermente nella prima metà dell'anno. La situazione è ugualmente contrastata nell’area Asia-Pacifico, con vendite in calo in Giappone mentre i volumi crescono significativamente in Cina. L'effetto generale sui prezzi rimane modesto con un +0,4% in un contesto globale di bassa inflazione.
  • L’Elettronica continua a registrare una crescita robusta di +11,2%, grazie a una forte domanda delle apparecchiature e degli impianti e alle vendite di materiali avanzati, che crescono di oltre il +25%. L'attività è stata particolarmente forte nell’Asia-Pacifico, caratterizzata da una crescita a due cifre in Giappone, Cina e Singapore.
  • L’Healthcare, in crescita di +4,8%, beneficia della domanda sempre elevata di servizi nell’Home Healthcare, dalle vendite dinamiche nel settore dell'igiene, che sono cresciute del +19%, e dell’espansione nelle economie emergenti, Brasile e Argentina in particolare. Incluso il contributo di Airgas con le sue vendite di gas medicali agli ospedali, il fatturato complessivo dell’Healthcare nel secondo trimestre è aumentato di +11.5%, escludendo l'impatto dei tassi di cambio.

Il Gruppo, che continua a rafforzare la sua competitività, ha generato 143 milioni di euro in guadagni di efficienza durante il primo semestre, in linea con le nostre previsioni annuali. 

Scarica il documento